Donne in Rosa

È nel 1996 che, grazie al progetto “Abreast in a boat”, si inizia a parlare della rilevanza e degli effetti benefici del Dragon Boat per le donne operate di tumore al seno.

Il progetto fu sviluppato da un gruppo di medici guidati dal Dr. Donald McKenzie, specializzato in medicina sportiva e fisiologia dell’allenamento, presso il Centro di Medicina Sportiva dell’Università della Columbia Britannica in Canada.
Il suo scopo era quello di confutare la teoria secondo cui le donne operate al seno dovevano evitare le attività sportive ripetitive che coinvolgessero la parte superiore del corpo. Infatti, fino a quel momento si sosteneva che questo tipo di attività potessero favorire il linfedema, un doloroso e inabilitante rigonfiamento delle braccia e del torace conseguenza dell’intervento chirurgico.
Per provare la sua teoria il Dr McKenzie e il suo staff allenarono al Dragon Boat 24 donne che avevano subito un intervento chirurgico al seno. Le 24 donne 6 mesi dopo gareggiarono all’International Dragon Boat Festival di Vancouver e nessuna di loro ebbe problemi di linfedema. Anzi, la ricerca dimostrò che il movimento ritmico della pagaiata era una sorta di linfodrenaggio naturale.
Nacque così il movimento delle DONNE IN ROSA e da allora sono nate numerose squadre in tutto il mondo a testimoniare quanto questa disciplina sportiva sia efficace, sia dal punto di vista del recupero fisico che da quello psicologico.


Per approfondire, consulta i riferimenti bibliografici e studi sul Dragon Boat e il tumore al seno, cliccando questo link

NEL MONDO

Numerose sono le squadre di Dragon Boat “rosa” nel mondo e l’IBCPC International Breast Cancer Paddlers’ Commission le riunisce con lo scopo di incoraggiarne la formazione, fungere da collegamento tra le squadre e promuovere la partecipazione al Dragon Boat Festival.
Il Festival, che dal 2005 viene indetto ogni quattro anni, costituisce un evento internazionale partecipativo, senza connotazioni di carattere agonistico, e si sviluppa in tre giornate dove sono previste manifestazioni, eventi sociali mirati ad approfondimenti e scambi all’interno della grande comunità internazionale di Breast Cancer Survivors (BCS) e naturalmente le attesissime gare di Dragon Boat.

IN ITALIA

La prima squadra italiana in rosa nacque nel 2002 quando si disputarono a Roma i campionati del mondo di Dragon Boat.
Ai campionati parteciparono tre squadre di Breast Cancer Survivors (BCS) provenienti dal Canada, dall’Australia e da Philadelfia.
Orlanda Cappelli, già pagaiatrice e tamburina di Dragon Boat e unica italiana dell’ambiente con la stessa problematica, gareggiò con loro in rappresentanza delle donne italiane.
In seguito Orlanda fondò a Roma la prima squadra italiana di BCS, le Pink Butterfly, per partecipare alle gare e alle manifestazioni di Dragon Boat in Italia e all’estero.

Le squadre italiane

Oggi in Italia, ci sono oltre 30 squadre.
Ecco l’elenco in ordine alfabetico:

Amas Dragon – Brindisi
Andos Dragon Girls – Civitavecchia
Andos Pink Sirenes – Chioggia
Akea Rosa Lilt – Treviso
Aquile Rosa – Palermo
Astro Dragon Lady – Empoli
Brentane – Vicenza
Cuore di Drago Valcavallina – Casazza
Dolomites Pink Ladies – Bolzano
Donna Più Lilt – Latina
Dragon Boat Rosa Il Filo della Vita – Catania
Dragonflyes By Orlanda Cappelli – Roma
Dragon For Life – Falconara Marittima
Dragonette – Torino
Dragonesse Avigliana – Avignana
Dragonlight Marton – Bari
Drago Rosa Burida – Pordenone
Etna Dragon Lady – Catania
Ferrara Dragon Lady – Ferrara
Florence Dragon Lady Lilt- Firenze
Forza Rosa Donna 2000 – Jesolo Cavallino
Ilrosacheosa – Roma
Karalis Pink Team – Cagliari
Maldobrie Andos – Gorizia
Mutina Pink Dragons – Modena
Pagaie Rosa Versilia – Viareggio
Pink Amazon – Milano
Pink Butterfly Pagaie Rosa – Roma
Pink Darsena’s Bardolino – Verona
Pink Lioness in Venice – Venezia
San Dona’ di Piave – Venezia
Tiber Dragon Lady – Citta’ Di Castello
Trifoglio Rosa – Mestre Venezia
UGO Unite Gareggiamo Ovunque – Padova